Referendum: buona partecipazione e volontà politica chiara

Referendum: buona partecipazione e volontà politica chiara
aprile 19 15:02 2016 Stampa questo articolo

I quasi 16 milioni di italiani, tra cui 14.621 cittadini senigalliesi, che domenica si sono recati alle urne per votare al referendum sono la dimostrazione che è ancora possibile fare politica guardando avanti, che si può ancora provare a credere nella partecipazione e non solo a fare il tifo per il leader mediatico di turno. 13 milioni di SI dimostrano una sensibilità ai temi ambientali mai sopita e affermano una volontà politica che sarebbe un grave errore sottovalutare.

Nei referendum italiani il quorum rende la battaglia impari, costringendo i favorevoli ad un doppio sforzo, per superare non solo i contrari ma anche gli astenuti, che nel nostro paese sono ormai stabilmente circa un terzo dell’elettorato (a Senigallia, ad esempio, il 38% alle ultime elezioni comunali). Dunque oggi vincere un qualsiasi referendum è difficilissimo.
Questo quesito, in particolare, affrontava in modo parziale un tema difficile, tecnico. Era l’unico, forse il più debole, rimasto in piedi tra i sei quesiti inizialmente promossi, poiché sugli altri il governo aveva già accolto le istanze dei proponenti: anche quello è stato un risultato da non sottovalutare.

Per dare un po’ di numeri, ricordiamo che il nostro Sindaco governa grazie agli 11.840 voti che gli hanno dato gli elettori senigalliesi nel maggio scorso. Domenica scorsa 12.701 concittadini hanno votato per un futuro che rinunci alle fonti fossili per produrre energia: questo, a nostro parere, era il tema sostanziale del referendum. Se poi guardiamo all’Italia nel suo complesso, per il SI hanno votato 13.334.764 persone, quando alle europee del 2014 il Partito Democratico, che in quell’occasione ha raggiunto il suo miglior risultato con il 40,8%, ha ottenuto 11.203.231 voti.

In conclusione, anche grazie a questo referendum, il movimento contro le trivelle si è fatto conoscere e si è allargato, la battaglia per un futuro rinnovabile di certo non è finita e La Città Futura, come sempre, ci sarà.

The following two tabs change content below.
“La Città Futura” è una libera associazione culturale e politica, interessata a sviluppare e promuovere il confronto e il dibattito su temi che appartengono al patrimonio culturale della sinistra italiana ed europea quali giustizia e promozione sociale, contrasto alle diseguaglianze, accoglienza ed integrazione, salvaguardia dell’ambiente e tutela del paesaggio, ecologia e sviluppo sostenibile, diritti civili e laicità dello stato, democrazia, trasparenza e partecipazione.
  Argomenti dell'articolo:
  Categorie:
leggi altri articoli

L'autore dell'articolo

La Città Futura
La Città Futura

“La Città Futura” è una libera associazione culturale e politica, interessata a sviluppare e promuovere il confronto e il dibattito su temi che appartengono al patrimonio culturale della sinistra italiana ed europea quali giustizia e promozione sociale, contrasto alle diseguaglianze, accoglienza ed integrazione, salvaguardia dell’ambiente e tutela del paesaggio, ecologia e sviluppo sostenibile, diritti civili e laicità dello stato, democrazia, trasparenza e partecipazione.

Leggi altri articoli
scrivi un commento

Nessun commento

Ancora nessun commento

Inizia tu stesso una nuova conversazione.

Aggiungi un commento

I tuoi dati sono al sicuro! Il tuo indirizzo email non sarà reso pubblico. Anche altri dati non saranno condivisi con altri. Tutti i campi sono obbligatori.