Firmare per la legalizzazione della cannabis, a Senigallia si può

Firmare per la legalizzazione della cannabis, a Senigallia si può
maggio 11 10:19 2016 Stampa questo articolo

Anche a Senigallia è possibile firmare per la proposta di legge di iniziativa popolare promossa da Radicali Italiani e Associazione Luca Coscioni per una regolamentazione della produzione, consumo e commercio della cannabis e suoi derivati, a sostegno dell’azione parlamentare dell’intergruppo per la legalizzazione della cannabis, che oggi conta oltre duecento parlamentari. La Città Futura ha depositato i moduli per la raccolta delle firme, disponibili presso l’ufficio relazioni con il pubblico (Info Città) in piazza Manni, a Senigallia.

La proposta di legge prevede, tra l’altro, la libertà di auto-coltivazione individuale o associata in “cannabis social club”, pratiche semplificate per la produzione commerciale, il più ampio accesso possibile alla cannabis terapeutica, l’allocazione delle entrate ad attività informative e sociali, una relazione annuale al Parlamento e la depenalizzazione totale dell’uso personale di tutte le sostanze proibite nonché la liberazione dei detenuti per condotte non più penalmente sanzionabili.

La “canna libera” è quella di oggi, criminale, senza controlli, ma assolutamente disponibile a tutte le ore e 365 giorni all’anno ovunque, anche in Italia. Questo accade dopo decenni di arresti, processi e carcere, spesso per giovani incensurati ed estranei a qualsiasi malaffare.
“Una guerra ideologica, assurda e inutile per la quale spendiamo troppi soldi pubblici e ingolfiamo magistratura e forze dell’ordine. Mentre la mafia incassa e ringrazia.” Afferma Marco Scaloni, membro del Direttivo de La Città Futura. “Oggi in Italia anche la Direzione Nazionale Antimafia denuncia il totale fallimento dell’azione repressiva e la letterale impossibilità di aumentare gli sforzi per reprimere meglio e di più la diffusione dei cannabinoidi”.

Di fronte a questo, sono sempre più numerosi gli Stati che sperimentano strategie di depenalizzazione senza incontrare un aumento dei consumi, o che legalizzano la produzione e la vendita della cannabis per usi ricreativi, oltre che terapeutici. Negli Stati Uniti, dove è stata fuorilegge per quasi ottant’anni, la cannabis è legale in 23 stati, in 5 di questi anche per scopi ricreativi, e altri 11 stati voteranno quest’anno in merito. Mentre il nuovo primo ministro del Canada ha dichiarato che il suo paese riuscirà a legalizzare la cannabis entro il 2017.

“L’umanità non può permettersi nel XXI secolo una politica sulle droghe inefficace e controproducente come quella dell’ultimo del secolo”. E’ il contenuto dell’appello degli ex presidenti di Messico, Colombia, Brasile, Cile, Nigeria, Capo Verde, Svizzera, Portogallo e Polonia e di oltre mille personalità, studiosi, giuristi, religiosi, imprenditori, e parlamentari per chiedere politiche alternative al sistema proibizionista del controllo mondiale della droga, “per una vera riforma delle politiche globali di controllo della droga”. Tra gli italiani Emma Bonino, Marco Pannella, Roberto Saviano, Umberto Veronesi e don Luigi Ciotti.

Firma anche tu la proposta di legge di iniziativa popolare per la legalizzazione della cannabis. Puoi farlo da subito a Senigallia, presso l’ufficio relazioni con il pubblico (Info Città) in piazza Manni.

Mattino – dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 12.30
Pomeriggio – dal lunedì al giovedì dalle ore 15.30 alle ore 18.15

La Città Futura sosterrà attivamente la campagna di raccolta firme con tavoli in piazza, eventi informativi e una comunicazione dedicata, a partire da questo blog.

Per approfondimenti:
http://www.legalizziamo.it
Il sito della campagna per la legge di iniziativa popolare popolare
promossa da Radicali Italiani e Associazione Luca Coscioni
http://www.cannabislegale.org
Il sito dell’intergruppo parlamentare per la legalizzazione della cannabis

The following two tabs change content below.
“La Città Futura” è una libera associazione culturale e politica, interessata a sviluppare e promuovere il confronto e il dibattito su temi che appartengono al patrimonio culturale della sinistra italiana ed europea quali giustizia e promozione sociale, contrasto alle diseguaglianze, accoglienza ed integrazione, salvaguardia dell’ambiente e tutela del paesaggio, ecologia e sviluppo sostenibile, diritti civili e laicità dello stato, democrazia, trasparenza e partecipazione.
leggi altri articoli

L'autore dell'articolo

La Città Futura
La Città Futura

“La Città Futura” è una libera associazione culturale e politica, interessata a sviluppare e promuovere il confronto e il dibattito su temi che appartengono al patrimonio culturale della sinistra italiana ed europea quali giustizia e promozione sociale, contrasto alle diseguaglianze, accoglienza ed integrazione, salvaguardia dell’ambiente e tutela del paesaggio, ecologia e sviluppo sostenibile, diritti civili e laicità dello stato, democrazia, trasparenza e partecipazione.

Leggi altri articoli
scrivi un commento

Nessun commento

Ancora nessun commento

Inizia tu stesso una nuova conversazione.

Aggiungi un commento

I tuoi dati sono al sicuro! Il tuo indirizzo email non sarà reso pubblico. Anche altri dati non saranno condivisi con altri. Tutti i campi sono obbligatori.