Centrale Biogas: la Regione faccia chiarezza sul rischio idrogeologico prima di rilasciare autorizzazioni

Centrale Biogas: la Regione faccia chiarezza sul rischio idrogeologico prima di rilasciare autorizzazioni
marzo 14 14:27 2016 Stampa questo articolo

La decisione di realizzare un digestore anaerobico nell’area industriale ZIPA di Casine di Ostra deve avvenire soltanto dopo la revisione del Piano di Assetto Idrogeologico (PAI) dell’area. Oltre ai rischi indicati e normati dalla Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) già rilasciata, occorre un ulteriore approfondimento sul rischio alluvione. Questo prima del rilascio dell’Autorizzazione Ambientale Integrata (AIA).

E’ quanto il Comune di Senigallia ha già chiesto nel maggio 2015 all’Autorità di bacino della Regione Marche, chiedendo di indagare e di esprimersi se l’area individuata risulti ancora idonea, da un punto di vista di assetto idrogeologico, alla collocazione di quel particolare tipo di impianto industriale. A quanto  ci è dato di sapere, il nostro Sindaco non ha ricevuto risposta a tali osservazioni.

Ribadiamo la richiesta alle autorità competenti di esprimersi su questo aspetto centrale della questione, tornata d’attualità dopo il 3 maggio 2014.

The following two tabs change content below.
“La Città Futura” è una libera associazione culturale e politica, interessata a sviluppare e promuovere il confronto e il dibattito su temi che appartengono al patrimonio culturale della sinistra italiana ed europea quali giustizia e promozione sociale, contrasto alle diseguaglianze, accoglienza ed integrazione, salvaguardia dell’ambiente e tutela del paesaggio, ecologia e sviluppo sostenibile, diritti civili e laicità dello stato, democrazia, trasparenza e partecipazione.
leggi altri articoli

L'autore dell'articolo

La Città Futura
La Città Futura

“La Città Futura” è una libera associazione culturale e politica, interessata a sviluppare e promuovere il confronto e il dibattito su temi che appartengono al patrimonio culturale della sinistra italiana ed europea quali giustizia e promozione sociale, contrasto alle diseguaglianze, accoglienza ed integrazione, salvaguardia dell’ambiente e tutela del paesaggio, ecologia e sviluppo sostenibile, diritti civili e laicità dello stato, democrazia, trasparenza e partecipazione.

Leggi altri articoli
scrivi un commento

Nessun commento

Ancora nessun commento

Inizia tu stesso una nuova conversazione.

Aggiungi un commento

I tuoi dati sono al sicuro! Il tuo indirizzo email non sarà reso pubblico. Anche altri dati non saranno condivisi con altri. Tutti i campi sono obbligatori.