Venerdì 25 settembre – Quale prospettiva economica per il nostro territorio – 17,30 Via Carducci

Venerdì 25 settembre – Quale prospettiva economica per il nostro territorio – 17,30 Via Carducci
settembre 24 12:11 2015 Stampa questo articolo

Dopo la crisi di un modello economico fondato sul manifatturiero maturo è lecito interrogarsi sulle prospettive dell’economia del nostro territorio; anche perché, è sempre più evidente, che il futuro vedrà sempre più un’economia basata sulla conoscenza e sull’innovazione ma anche sull’identità, la storia, la creatività, la qualità. Un’economia in grado di coniugare coesione sociale e competitività e di trarre forza dalle comunità e dai territori.

Per rispondere alle sfide della globalizzazione occorre cogliere le opportunità, uniche e irriproducibili, offerte dalla nostra storia, dalla nostra cultura, dal nostro ambiente e dal nostro territorio per trasformarle in fattori di sviluppo competitivo e duraturo.


MODERATORE
Marco Lion  Ambientalista Autore di numerose pubblicazioni in materia di comunicazioni di massa, fotografia, cinema, teatro e condizione giovanile, ha realizzato programmi televisivi per la RAI e documentari ambientalisti, in particolare un cortometraggio su flora e fauna delle dune litoranee e un reportage sull’alluvione di Senigallia. Iscritto dal 1975 al Touring Club Italiano, di cui è il Responsabile Ambiente.  Dal 1994 al 2002 è stato Assessore della Provincia di Ancona con deleghe alla Tutela dell’Ambiente, Urbanistica, Turismo, Difesa del suolo, Assetto idrogeologico, Parchi, Oasi e Aree protette. L’esperienza con il movimento politico ecologista italiano inizia nel 1983, quando è stato tra i promotori  di quella che fu la prima Lista Verde Italiana. Nel 2001 è stato eletto Deputato con la coalizione politica de L’Ulivo nel Collegio n. 9 – Senigallia. Rieletto alla Camera dei Deputati  per la XV Legislatura, è stato eletto Presidente della XIII Commissione Agricoltura della Camera. Dal 2010 è membro del Consiglio Nazionale per l’Ambiente del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare in rappresentanza delle Associazioni Ambientaliste riconosciute. Nel 2015 è stato nominato dal Ministero dell’Ambiente, in rappresentanza delle associazioni ambientaliste, nel Consiglio Direttivo del Parco Nazionale del Gargano.
RELATORI
Giuseppe Liso Economista Co-fondatore e presidente di “Ettore Fieramosca – Idee & sviluppo”, società specializzata nella gestione di progetti di innovazione e di gestione in ambito agroindustriale  E’ stato membro della direzione generale di Prometeia dove ha approfondito le proprie conoscenze in economia industriale, analisi settoriale ed econometria. Dal 1997 al 2000 è stato membro della Segreteria tecnica del Ministro delle Politiche Agricole e Forestali. Nel 1999 è stato componente del Comitato per la promozione e la diffusione delle produzioni agroalimentari tipiche e di qualità istituito presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri e nel gruppo di Supporto Tecnico del Ministro per le Politiche Agricole. Attualmente svolge una intensa attività di consulenza di direzione continuativa per Istituzioni finanziarie, Enti economici, Aziende, Consorzi e Società di Servizi. Illustrerà l’esperienza californiana di Napa Valley: “Napa Valley. Una storia di successo”
Bruno Sebastianelli  Presidente cooperativa agricola biologica LA TERRA E IL CIELO Nata nel 1980, in un periodo storico in cui impera l’agricoltura convenzionale ed il biologico rappresenta un settore di nicchia praticamente sconosciuto, la cooperativa LA TERRA E IL CIELO si è sviluppata diventando una solida realtà italiana del biologico senza mai perdere il contatto con i valori della solidarietà, dell’equità e del rispetto della natura, per i quali era nata. Oggi la pasta e tutti gli altri prodotti biologici LA TERRA E IL CIELO, ottenuti da materie prime coltivate in ambienti incontaminati senza l’uso di prodotti chimici sintetici e con l’obiettivo di una giusta retribuzione dei soci agricoltori, sono, per qualità e bontà, tra i più apprezzati in Italia, in Europa ed anche in molti paesi del Mondo.
Alberto Mazzoni Enologo, Direttore dell’Istituto Marchigiano di Tutela Vini Nel marzo 1979 viene assunto dall’Ente di Sviluppo Agricolo nelle Marche, con la qualifica di Perito Agrario specializzato in Viticoltura ed Enologia. Per  11 anni ha svolto diverse mansioni presso la Cantina Sperimentale di Camerano ed il laboratorio ad essa annesso, approfondendo le sue conoscenze nel campo dei controlli analitici sui mosti e sui vini nonché nel settore della legislazione alimentare con particolare riferimento a quella vitivinicola. Dal 1987 al 2012 ha fatto parte del Consiglio Nazionale di Assoenologi ed è stato Presidente della sezione Marche di Assoenologi. Fondatore di “Enocentro Fermano” ufficio di consulenza vitivinicola, enologica e legislativa e di “IMAVI Srl” laboratorio di analisi enologiche. Attualmente ricopre le cariche di: Direttore Consorzio Interprovinciale “Istituto Marchigiano di Tutela Vini”; Consigliere Nazionale Federdoc; Componente Commissione di Appello Italia Meridionale; Membro dell’Accademia della vite e del vino. Racconterà la storia e le ragioni del successo del vino marchigiano: “Vini delle Marche: un patrimonio da crescere e tutelare”
Antonio Minetti  Territorialista, già dirigente del Servizio Territorio Ambiente Energia  della Regione Marche Architetto territorialista, ha diretto tra 1981 e 1986 l’Ufficio Urbanistica del Comune di Senigallia, passando ad occuparsi fino al novembre 2013 di tutela del paesaggio e dell’ambiente, di legislazione urbanistica e di energia presso la Regione Marche nel ruolo di dirigente delle relative strutture tecnico-amministrative. Il PianoPaesistico, il Piano energetico-ambientale, quelli di tutela delle acque e del ciclo dei rifiuti, la proposta di legge sul governo del territorio sono alcuni degli atti principali di cui si è occupato. Autorità Ambientale per lunghi anni nell’ambito delle politiche comunitarie; membro effettivo dell’Istituto Nazionale di Urbanistica; autore di numerosi saggi e articoli nelle materie di competenza.
Mario Gagliardini Imprenditore Con il padre Vittorio e le sorelle dirige un’azienda storica marchigiana di forniture per l’edilizia e arredamento. L’azienda Gagliardini  ha scelto di investire sulla rappresentazione del progetto con la rivista Progetti prima e con Mappe oggi, e ha dato vita ad uno dei progetti culturali più autorevoli di valorizzazione e promozione della qualità architettonica nella regione Marche.

 

The following two tabs change content below.
“La Città Futura” è una libera associazione culturale e politica, interessata a sviluppare e promuovere il confronto e il dibattito su temi che appartengono al patrimonio culturale della sinistra italiana ed europea quali giustizia e promozione sociale, contrasto alle diseguaglianze, accoglienza ed integrazione, salvaguardia dell’ambiente e tutela del paesaggio, ecologia e sviluppo sostenibile, diritti civili e laicità dello stato, democrazia, trasparenza e partecipazione.
  Argomenti dell'articolo:
  Categorie:
leggi altri articoli

L'autore dell'articolo

La Città Futura
La Città Futura

“La Città Futura” è una libera associazione culturale e politica, interessata a sviluppare e promuovere il confronto e il dibattito su temi che appartengono al patrimonio culturale della sinistra italiana ed europea quali giustizia e promozione sociale, contrasto alle diseguaglianze, accoglienza ed integrazione, salvaguardia dell’ambiente e tutela del paesaggio, ecologia e sviluppo sostenibile, diritti civili e laicità dello stato, democrazia, trasparenza e partecipazione.

Leggi altri articoli
scrivi un commento

1 Commento

  1. gennaio 03, 00:18 #1 Città Futura in Festa, il programma di venerdì 25 settembre | La Città Futura

    […] 17,30 “Quale prospettiva economica per il nostro territorio”. Marco Lion, storico ambientalista senigalliese, coordinerà il dibattito tra: Giuseppe Liso, […]

    Rispondi al commento

Aggiungi un commento

I tuoi dati sono al sicuro! Il tuo indirizzo email non sarà reso pubblico. Anche altri dati non saranno condivisi con altri. Tutti i campi sono obbligatori.