Sin dal 2011 a Senigallia è possibile fare il “testamento biologico”

Sin dal 2011 a Senigallia è possibile fare il “testamento biologico”
ottobre 24 17:41 2015 Stampa questo articolo
Forse non tutti lo sanno, ma, anche grazie a La Città Futura, a Senigallia è possibile, sin dal 2011, fare “testamento biologico”, vale a dire una dichiarazione anticipata che sia espressione della volontà in merito alle terapie che si intendono accettare, o non accettare, nell’eventualità in cui ci si dovesse trovare nella condizione di incapacità di esprimere il proprio diritto di acconsentire o non acconsentire alle cure proposte.

Di questo tema si riparla molto in questo periodo. E’ grazie all’immenso coraggio e alla incrollabile determinazione di Max Fanelli se anche i media nazionali sono tornati ad occuparsi della necessita che il parlamento si occupi della legge sul fine vita. Un passaggio atteso da due anni dai 67mila cittadini che nel 2013 hanno sottoscritto la proposta di legge popolare per legalizzare l’eutanasia.

Inoltre è di pochi giorni fa la notizia che il Consiglio Comunale di Ancona ha approvato la mozione per l’introduzione di un “registro dei testamenti biologici” comunale, la cosa ovviamente ci fa molto piacere, nonostante abbia causato una spaccatura nella maggioranza di quel Consiglio con il voto contrario alla mozione anche del Sindaco Valeria Mancinelli.

E’ palese che questi registri comunali non attenuano per nulla l’esigenza di una legge nazionale sul fine vita, anzi. Tuttavia è un’opportunità importante per i cittadini.

Non è tanto per vanità campanilistica, quanto per la preoccupazione di un mutato clima politico se, a questo proposito, ci piace ricordare che una mozione analoga fu approvata a larghissima maggioranza dal Consiglio Comunale di Senigallia nel luglio 2010.

Sta di fatto che “Il registro comunale delle dichiarazioni anticipate di volontà relative a trattamenti sanitari” a Senigallia esiste, da quasi cinque anni i cittadini senigalliesi possono recarsi presso l’ufficio anagrafe e redigere, gratuitamente, il proprio testamento biologico. Invitiamo tutti ad informarsi – ed eventualmente ad approfittare di questa possibilità – o presso lo stesso ufficio anagrafe o consultando su openmunicipio mozione, delibera e regolamento ai seguente link:

la mozione del 2010: http://goo.gl/UK1Yx8

la delibera del 2011: http://goo.gl/qpuYtp

The following two tabs change content below.
“La Città Futura” è una libera associazione culturale e politica, interessata a sviluppare e promuovere il confronto e il dibattito su temi che appartengono al patrimonio culturale della sinistra italiana ed europea quali giustizia e promozione sociale, contrasto alle diseguaglianze, accoglienza ed integrazione, salvaguardia dell’ambiente e tutela del paesaggio, ecologia e sviluppo sostenibile, diritti civili e laicità dello stato, democrazia, trasparenza e partecipazione.
  Argomenti dell'articolo:
  Categorie:
leggi altri articoli

L'autore dell'articolo

La Città Futura
La Città Futura

“La Città Futura” è una libera associazione culturale e politica, interessata a sviluppare e promuovere il confronto e il dibattito su temi che appartengono al patrimonio culturale della sinistra italiana ed europea quali giustizia e promozione sociale, contrasto alle diseguaglianze, accoglienza ed integrazione, salvaguardia dell’ambiente e tutela del paesaggio, ecologia e sviluppo sostenibile, diritti civili e laicità dello stato, democrazia, trasparenza e partecipazione.

Leggi altri articoli
scrivi un commento

Nessun commento

Ancora nessun commento

Inizia tu stesso una nuova conversazione.

Aggiungi un commento

I tuoi dati sono al sicuro! Il tuo indirizzo email non sarà reso pubblico. Anche altri dati non saranno condivisi con altri. Tutti i campi sono obbligatori.