Positivo l’incontro de La Città Futura con Possibile: si inizia dall’appoggio agli 8 referendum

Positivo l’incontro de La Città Futura con Possibile: si inizia dall’appoggio agli 8 referendum
agosto 14 13:33 2015 Stampa questo articolo

Nei giorni scorsi i Coordinatori de La Città Futura si sono incontrati coi rappresentanti senigalliesi di Possibile, la nuova formazione politica lanciata da Pippo Civati, che annovera tra le sue fila la neo-deputata, nostra concittadina, Beatrice Brignone.


L’incontro tra La Città Futura e Possibile era in qualche modo inevitabile, stante la sintonia su moltissimi temi e il comune desiderio di veder nascere a livello nazionale una formazione politica di sinistra e ambientalista, finalmente unitaria, inclusiva e con ambizioni di governo.
Si tratta di un percorso, di cui tanti sentono l’esigenza e per il quale tanti si stanno adoperando in tutta Italia, che, certamente, non possiamo governare qui da Senigallia ma a cui possiamo contribuire cercando di anticiparlo. Lo faremo iniziando da subito a collaborare su temi importanti di comune interesse ma anche dedicando al tema della costituzione di una nuova sinistra una giornata della nostra festa in programma per fine settembre.
Naturalmente non è all’ordine del giorno nessun tipo di “fusione” tra La Città Futura e Possibile, sarebbe quantomeno prematuro. Su molti temi e iniziative però si potrà collaborare fattivamente. Su questo i rappresentanti delle due formazioni politiche hanno convenuto facilmente. A cominciare proprio dalla raccolta firme per gli 8 referendum lanciati da Possibile che La Città Futura ha deciso di sostenere.
Sappiamo che sugli 8 referendum ci sono molti distinguo all’interno della sinistra, compresa qualche posizione, più o meno fondatamente, nettamente contraria.
Proprio perché ci interessano percorsi unitari e inclusivi siamo convinti che  questa dei referendum è una sfida che dobbiamo vincere, perché riguarda temi fondamentali a noi molto cari, quattro leggi recenti che non ci piacciono proprio: l’Italicum, lo Sblocca Italia, il Jobs Act, la Buona Scuola. Quattro leggi da abrogare del tutto o in gran parte, e al più presto.
I tempi sono molto stretti ma La Città Futura non farà mancare il proprio sostegno.

The following two tabs change content below.
“La Città Futura” è una libera associazione culturale e politica, interessata a sviluppare e promuovere il confronto e il dibattito su temi che appartengono al patrimonio culturale della sinistra italiana ed europea quali giustizia e promozione sociale, contrasto alle diseguaglianze, accoglienza ed integrazione, salvaguardia dell’ambiente e tutela del paesaggio, ecologia e sviluppo sostenibile, diritti civili e laicità dello stato, democrazia, trasparenza e partecipazione.
leggi altri articoli

L'autore dell'articolo

La Città Futura
La Città Futura

“La Città Futura” è una libera associazione culturale e politica, interessata a sviluppare e promuovere il confronto e il dibattito su temi che appartengono al patrimonio culturale della sinistra italiana ed europea quali giustizia e promozione sociale, contrasto alle diseguaglianze, accoglienza ed integrazione, salvaguardia dell’ambiente e tutela del paesaggio, ecologia e sviluppo sostenibile, diritti civili e laicità dello stato, democrazia, trasparenza e partecipazione.

Leggi altri articoli
scrivi un commento

1 Commento

  1. Massimiliano Pizzin
    agosto 14, 19:07 #1 Massimiliano Pizzin

    Mi piacerebbe sapere,chi sono e di dove sono,le persone coordinatrici di citta futura.

    Rispondi al commento

Aggiungi un commento

I tuoi dati sono al sicuro! Il tuo indirizzo email non sarà reso pubblico. Anche altri dati non saranno condivisi con altri. Tutti i campi sono obbligatori.