Ferdinando Salvioni candidato con La Città Futura

Ferdinando Salvioni candidato con La Città Futura
aprile 20 08:40 2015 Stampa questo articolo

Mi chiamo Ferdinando Salvioni, 72 anni, coniugato, ho una figlia insegnante e due nipoti. La mia attività lavorativa è stata quella di meccanico autoriparatore. Da pensionato mi occupo, come sempre, di politica e faccio attività sindacale nel Sindacato Pensionati Italiani, SPI-CGIL.

Da anni sono volontario attivo dell’Associazione Auser occupandomi in modo prevalente di trasporto socio-sanitario. Sono Consigliere di Amministrazione della Fondazione Città di Senigallia (già Casa Protetta per Anziani – Ex Irab) con la carica di vicepresidente.

Mi candido ne La Città Futura per un motivo molto semplice: assieme ad altri compagni ed amici l’ho pensata e costruita. Da segretario cittadino del PdCI, carica che tuttora ricopro, sin da subito ho creduto in questa lista innovativa e mi sono speso con entusiasmo e passione per farla nascere e crescere.

Sostengo Maurizio Mangialardi Sindaco perché lo ritengo una persona capace, oltre che onesta. La città futura la vorrei migliore per quanto riguarda l’arredo urbano, con piste ciclabili più adeguate al traffico attuale, strade più praticabili e maggior cura del verde urbano.

The following two tabs change content below.
“La Città Futura” è una libera associazione culturale e politica, interessata a sviluppare e promuovere il confronto e il dibattito su temi che appartengono al patrimonio culturale della sinistra italiana ed europea quali giustizia e promozione sociale, contrasto alle diseguaglianze, accoglienza ed integrazione, salvaguardia dell’ambiente e tutela del paesaggio, ecologia e sviluppo sostenibile, diritti civili e laicità dello stato, democrazia, trasparenza e partecipazione.
  Categorie:
leggi altri articoli

L'autore dell'articolo

La Città Futura
La Città Futura

“La Città Futura” è una libera associazione culturale e politica, interessata a sviluppare e promuovere il confronto e il dibattito su temi che appartengono al patrimonio culturale della sinistra italiana ed europea quali giustizia e promozione sociale, contrasto alle diseguaglianze, accoglienza ed integrazione, salvaguardia dell’ambiente e tutela del paesaggio, ecologia e sviluppo sostenibile, diritti civili e laicità dello stato, democrazia, trasparenza e partecipazione.

Leggi altri articoli
scrivi un commento

Nessun commento

Ancora nessun commento

Inizia tu stesso una nuova conversazione.

Aggiungi un commento

I tuoi dati sono al sicuro! Il tuo indirizzo email non sarà reso pubblico. Anche altri dati non saranno condivisi con altri. Tutti i campi sono obbligatori.