Città Futura contro Pd, “assenti al dibattito sul Patto di Stabilità”

Città Futura contro Pd, “assenti al dibattito sul Patto di Stabilità”
novembre 02 10:28 2014 Stampa questo articolo

Nell’ultimo Consiglio Comunale del 29 ottobre si è verificato un episodio che farà ancora discutere e che ha fatto emergere un tema che necessariamente caratterizzerà il confronto tra La Città Futura e il resto della maggioranza.

Stiamo parlando della valutazione politica in ordine alle pesanti ricadute sulle amministrazioni comunali delle scelte del governo nazionale, scelte che potremmo riassumere nella formula: “come fare bella figura scaricando i sacrifici sugli altri livelli di governo”. Il gruppo consiliare de La Città Futura, prendendo spunto da un analogo e antico o.d.g. del 1903, ha proposto, nella seduta del 29 ottobre, un ordine del giorno per ricordare, numeri alla mano, come negli ultimi anni i Comuni abbiano, in modo molto consistente, contributo alla riduzione del deficit dello Stato con un saldo attivo nel rapporto spese/entrate, al contrario delle amministrazioni centrali, ovvero i ministeri, la cui spesa, spesso improduttiva, ha continuato a correre. Abbiamo inoltre fatto notare come il federalismo fiscale sia ormai solo una illusione, o meglio, una vuota formula, in quanto,  al contrario, è in atto una strategia, supportata da tutta la recente produzione normativa, volta ad introdurre un nuovo centralismo statale, con conseguente sottrazione di ogni residua autonomia agli enti locali.

L’obiettivo principale de La Città Futura era di domandare a tutti i consiglieri e in particolare alla nostra maggioranza se le richieste per allentare il Patto di Stabilità Interno e le deroghe, ad esempio per i servizi sociali e le calamità naturali, avanzate esattamente un anno fa dall’ANCI nazionale, fossero ancora valide e da riproporre all’attuale governo Renzi.

Forse per l’ora tarda gran parte dei consiglieri PD si sono allontanati dall’aula facendo mancare il numero legale alla votazione dell’o.d.g. .Consideriamo questo sconcertante episodio un mero incidente di percorso. Con grande serenità, e altrettanta fermezza, riproporremo il nostro ordine del giorno come primo punto del prossimo Consiglio Comunale.

Su un tema così centrale, che coinvolge i rapporti tra governo ed enti locali, non dubitiamo che la maggioranza, di cui facciamo orgogliosamente parte, saprà affrontare un confronto sereno e trovare una posizione condivisa, scevra da logiche di mera appartenenza e nell’interesse della comunità amministrata.

Gruppo Consiliare La Città Futura

The following two tabs change content below.
“La Città Futura” è una libera associazione culturale e politica, interessata a sviluppare e promuovere il confronto e il dibattito su temi che appartengono al patrimonio culturale della sinistra italiana ed europea quali giustizia e promozione sociale, contrasto alle diseguaglianze, accoglienza ed integrazione, salvaguardia dell’ambiente e tutela del paesaggio, ecologia e sviluppo sostenibile, diritti civili e laicità dello stato, democrazia, trasparenza e partecipazione.
  Categorie:
leggi altri articoli

L'autore dell'articolo

La Città Futura
La Città Futura

“La Città Futura” è una libera associazione culturale e politica, interessata a sviluppare e promuovere il confronto e il dibattito su temi che appartengono al patrimonio culturale della sinistra italiana ed europea quali giustizia e promozione sociale, contrasto alle diseguaglianze, accoglienza ed integrazione, salvaguardia dell’ambiente e tutela del paesaggio, ecologia e sviluppo sostenibile, diritti civili e laicità dello stato, democrazia, trasparenza e partecipazione.

Leggi altri articoli
scrivi un commento

Nessun commento

Ancora nessun commento

Inizia tu stesso una nuova conversazione.

Aggiungi un commento

I tuoi dati sono al sicuro! Il tuo indirizzo email non sarà reso pubblico. Anche altri dati non saranno condivisi con altri. Tutti i campi sono obbligatori.