Piazza Fontana e le morti di Stato – La memoria e gli appunti per leggere il presente e preparare il futuro

ottobre 04 15:23 2012 Stampa questo articolo

Sabato 29 ottobre 2012. Con moderatore Francesco Mancini, coordinatore di Sel Senigallia, si parla della strage di Piazza Fontana e delle morti di Stato, ma anche dell’attualità degli abusi di potere: i casi Cucchi, Aldorvandi ecc. Partecipano: Claudia e Silvia Pinelli, figlie del ferroviere anarchico Giuseppe Pinelli; Carlo Arnoldi, Presidente dell’Associazione Vittime di Piazza Fontana; Piero Scaramucci, giornalista e autore del libro-intervista con Licia Pinelli “Una storia quasi soltanto mia”.

Clicca sulla foto per scaricare l’audio

NB – Per mia distrazione mi sono perso l’inizio della tavola rotonda: manca tutta l’introduzione di Francesco Mancini. Chiedo scusa a tutti e a Francesco in modo particolare. (Leo Barucca)

Il bell’articolo di Paolo Mirti su Articolo 21 che racconta la serata

The following two tabs change content below.
“La Città Futura” è una libera associazione culturale e politica, interessata a sviluppare e promuovere il confronto e il dibattito su temi che appartengono al patrimonio culturale della sinistra italiana ed europea quali giustizia e promozione sociale, contrasto alle diseguaglianze, accoglienza ed integrazione, salvaguardia dell’ambiente e tutela del paesaggio, ecologia e sviluppo sostenibile, diritti civili e laicità dello stato, democrazia, trasparenza e partecipazione.
  Argomenti dell'articolo:
  Categorie:
leggi altri articoli

L'autore dell'articolo

La Città Futura
La Città Futura

“La Città Futura” è una libera associazione culturale e politica, interessata a sviluppare e promuovere il confronto e il dibattito su temi che appartengono al patrimonio culturale della sinistra italiana ed europea quali giustizia e promozione sociale, contrasto alle diseguaglianze, accoglienza ed integrazione, salvaguardia dell’ambiente e tutela del paesaggio, ecologia e sviluppo sostenibile, diritti civili e laicità dello stato, democrazia, trasparenza e partecipazione.

Leggi altri articoli
scrivi un commento

Nessun commento

Ancora nessun commento

Inizia tu stesso una nuova conversazione.

Aggiungi un commento

I tuoi dati sono al sicuro! Il tuo indirizzo email non sarà reso pubblico. Anche altri dati non saranno condivisi con altri. Tutti i campi sono obbligatori.